sabato 22 febbraio 2014

La pasta all'uovo

 La pasta all'uovo




L’impasto (per 4 persone)

Setacciate 300 g di farina su un piano di

 lavoro, poi praticate una piccola cavità 

sulla cima per fare la classica fontana. 

Sgusciate, al centro, 3 uova di medie 

dimensioni, e cominciate a lavorare, rompendo le uova con 

una forchetta
e  incorporando man mano la farina 

circostante; unite un pizzico di sale fino e fate assorbire 

parte della farina.

Proseguite con la punta delle dita fino a intridere gli 

ingredienti e poi, a piene mani, lavorate energicamente 

l’impasto piegandolo, tirandolo e battendolo sulla spianatoia,

 finché sarà diventato liscio e uniforme
. La pasta avrà così 

incorporato una certa quantità di aria e sulla superficie si 

saranno create delle piccole bolle. Formate una palla, 

avvolgetela in una pellicola per alimenti e fatela riposare per 

30 minuti.

Trascorso il tempo, potrete stenderla con la 

macchina stendifoglia o a mano.  

Se utilizzate la stendifoglia,

l'impasto, fatelo passare

 fra i rulli. Se la stendete a mano, ponete

 una parte d’impasto sulla spianatoia, spolverizzata con 

poca 

farina, e tirate una sfoglia con il matterello, anch’esso 

leggermente infarinato.

Procedendo dal centro verso i bordi, 

allargate la pasta in modo uniforme e 

girandola più volte, fino a quando 

diventa 

rotonda e di spessore omogeneo. Continuate fino a 

raggiungere circa 2-3 mm di spessore.

Il taglio e la lessatura


Con l’aiuto di un coltello o dell’apposita rotella tagliapasta, 

ricavate tanti rettangoli di circa 10×18 cm. Se invece la 

pasta 

all’uovo vi servirà per preparare tagliatelle, tagliolini o altri 

formati lunghi (l’impasto è lo stesso), arrotolate la sfoglia e 

tagliatela con un coltello della misura desiderata.In una 

pentola, portate a bollore abbondante 

acqua salata dove avrete aggiunto 1 cucchiaio di olio 

extravergine, per evitare che le sfoglie si attacchino. Tuffate 

le lasagne poche alla volta, . Scolatele e fatele raffreddare.

L’arcobaleno nel piatto

L’impasto di base può essere arricchito da alcuni 

ingredienti, 


che daranno un gusto e un colore diverso alla pasta.

Verde con spinaci e borragine. Unite a 

300 g di farina 2 uova e 1 albume, un 

pizzico di sale e 100 g di spinaci o di 

borragine lessati, strizzati e tritati. 

Lavorate bene aggiungendo, se necessario, altra farina. 

Essendo gli spinaci molto ricchi d’acqua si tende, per 

questo 

impasto, a diminuire le uova e a usare l’albume al posto del

 tuorlo, per non alterare il tipico colore verde.Nero con 

inchiostro di seppia. Lavorate 300 g di 

farina con 3 uova, un pizzico di sale e 1 

cucchiaio di nero di seppia (oppure 2 

bustine di nero di seppia), sciolto in 1 

cucchiaio di acqua.Giallo con lo 

zafferano.Sciogliete 1 bustina di 

zafferano in 1/4 di bicchiere d’acqua, 

oppure di vino bianco leggermente 

scaldato, e unitelo a 300 g di farina, cui avrete già 

incorporato 3 uova e un pizzico di sale.