venerdì 14 marzo 2014

Pasta sfoglia

Pasta sfoglia





 g 750 di farina fate la fontana e versatevi circa g 350 di acqua tiepida, leggermente salata Lavorate energica¬mente il pastello, finché risulterà liscio ed omogeneo; formate quindi una palla, incidetela a croce e ponetela a riposare in frigorifero per 30'













 Iniziate a lavorare con una spatola kg 1 di burro, morbido e tenuto a temperatura ambiente; successivamente intridetelo con g 250 di farina, impastando il tutto con le mani.














 Lavorate burro e farina, solo per il tempo necessario ad ottenere un composto omogeneo. Infatti se prolungate eccessivamente la lavorazione, rischiate di surriscaldare grassi Formate quindi un panetto rettangolare e dategli la forma di una mattonella.













 Tirate il pastello preparato precedentemente, in una sfo-glia di circa cm 40x40. Appoggiatevi al centro il panetto di burro e farina ripiegate su questo solo 2 lembi di pasta, e premete tutto con il 














 Rovesciate uno dei lembi rimasti liberi sotto la parte centrale e ricoprite il panetto con il secondo lembo; in questo modo favorite la distribuzione del grasso fra gli strati di pasta.














 'Con il matterello leggermente infarinato stendete la pasta in un rettangolo, dello spessore di circa mm 3. Durante questa operazione esercitate una pressione il più possibile regolare, affinchè il grasso si distribuisca in modo uniforme nell'interno della pasta.













 Ripiegatela quindi su se stessa 3 o 4 volte, per ottene-re la caratteristica consistenza "a foglietti", che differenzia questa pasta da tutte le altre. In gergo si dice che dovete dare diversi "giri" alla pasta.














 Premete la pasta con le dita, quindi fatela riposare in frigorifero da 30 a 60'. Di questi giri, e relativi riposi, ne occorrono 4 o 6. Dopo di che la pasta è pronta per essere stesa allo spessore voluto, ritagliata in forma e cotta in forno a 200° per 25-30' circa.