giovedì 15 maggio 2014

Riso al latte con le fragole

Riso al latte con le fragole
Il risotto è nato a Napoli. Quest’affermazione, con qualche esagerazione, e una buona dose di approssimazione (due caratteristiche tipiche – secondo alcuni – dei napoletani) contiene in sé alcuni grani (si stava per dire: alcuni chicchi) di verità. Considerando infatti che il riso è il padre del risotto, va ricordato che l’uso alimentare del riso in Italia è incominciato a Napoli. Non che l’abbiano scoperto i napoletani, il riso: l’avevano portato fino al loro gli spagnoli (per la precisione: gli Aragonesi) nel  XIV secolo. I napoletani cominciarono così a consumarlo come piatto unico: però non fu mai, per loro, unico quanto la pasta. Che proprio in quegli anni andava affermandosi  e fermandosi stabilmente a Napoli. Il riso invece a Napoli non si trattenne, e nemmeno venne trattenuto; emigrò presto al nord, dove peraltro già lo conoscevano come farmaco e come ingrediente per dolci, e vi prese stabile dimora. Favorito in ciò dall’abbondanza d’acqua, per lui indispensabile per crescere bene. Fu così che l’uso alimentare del riso si affermò soprattutto nel settentrione d’Italia. L’abitudine di mangiare riso perciò non è per nulla napoletana. E ancor meno quella di preparare risotti. Più (e prima) che un piatto, il risotto è un  modo di preparare il riso, che si chiama “cottura a risotto”.
ingredienti: dose per 4

latte g 650 - riso g 240 -fragole g 200 - zucchero semolato g 100 - burro g 20 - stecca di cannella - sale.
tempo: circa 30'

Procedimento:
Lessate il riso nel latte bol­lente allunga­to con g 400 di acqua, unendovi anche g 60 di zuc­chero, un pizzico di sale e al­cuni pezzetti di cannella. In­tanto affettate le fragole e fa­tele rosolare nel burro con lo zucchero rimasto (g 40). Di­stribuite il riso cotto e le fragole nei piatti individuali, la­sciate raffreddare il dessert, quindi portatelo in tavola.